Intercettazioni riguardanti il posto di segretario del Sindaco. Interrogazione della minoranza.

09.11.2018 14:57

AL SINDACO

Dott. Francesco Pelliccia

 

Oggetto: Articolo Prima Stamp@ sul tema delle intercettazioni avente per contenuto l’incarico di collaboratore dello Staff del Sindaco.

I sottoscritti, in qualità di Consiglieri Comunali,

CONSIDERATA

- l'attività di indagine svolta dai carabinieri in merito al Procedimento Penale 407/2017 RG. Mod. 21, riguardante il caso AEC, archiviata nel Gennaio 2018, le quali si sono articolate anche in intercettazioni telefoniche ed ambientali che hanno riguardato soggetti direttamente collegabili all'attività amministrativa e/o a servizi pubblici;

CONSIDERATO

- che dai verbali inerenti tale documentazione, sono emerse questioni non inerenti il procedimento citato, ma comunque di rilevanza pubblica, che gettano ombre sull'operato dell'Amministrazione Comunale;

RILEVATO

- che la rivista Prima Stamp@, nel numero 9 di Ottobre 2018, ha dedicato diverse pagine di approfondimento a tale tematica, riportando estratti delle conversazioni intercettate;

- che, il numero citato, si è concentrato, nel particolare, sulla questione inerente la nomina del collaboratore dello Staff del Sindaco, ricaduta, attraverso procedura ad evidenza pubblica, sul Dott. R.C.;

- che i verbali delle intercettazioni rivelerebbero la ricerca delle referenze del Dott. R.C.  ancor prima della promulgazione del bando stesso. Per chiarezza riportano l’estratto contenuto alla pag. 17 del periodico: “Parla con il Sindaco… Parlano di R… del tipo di laurea che ha… il segretario dice che fa la verifica se la laurea che ha è equipollente… il Sindaco dice che se mettono pure la triennale non escono più… Il Sindaco torna sul discorso di prima e dice di andare spedito… il segretario chiede al Sindaco di quale contratto fare… il sindaco dice di fare almeno 24 ore.. il Segretario ribatte che hanno avuto 110 a 18 ore… poi gli parla della lettera di … il Segretario dice che il 100 con quest’aria che tira!!! stanno parlando di qualche nuovo bando… continuano il discorso sul bando… decidono di dare fari punteggi a secondo della laurea se è triennale o magistrale...”

TENUTO CONTO

- della necessità, da parte della S.V., di fare chiarezza su tali passaggi nell'interesse della cittadinanza, nel rispetto del principio della trasparenza amministrativa;

per le motivazioni espresse in premessa,
INTERROGANO la S.V. per sapere, in merito al contenuto degli estratti riportati da Prima Stamp@:

1) se veramente abbia deciso di ricorrere all’evidenza pubblica nonostante avesse già scelto la figura da inquadrare all’interno del Suo staff, tra l’altro di recente passata da 24 a 36 ore settimanali d’impiego;
2) in caso di risposta affermativa al punto 1), come mai abbia deciso di promulgare un bando di gara, alimentando le attese e le speranze dei giovani che poi vi hanno partecipato, quando gli esiti dello stesso sarebbero poi stati scontati.

I sottoscritti CHIEDONO altresì risposta scritta alla presente interrogazione.

LA MINORANZA CONSILIARE: Gianfranco Trombetta, Matteo Berteletti, Emanuele Rocchi, Giovanni Ormetti.