Gestione dei rifiuti: fallimento assoluto dell'Amministrazione Pelliccia.

20.11.2017 15:39

È doveroso un sentito ringraziamento a tutti gli operatori ecologici della società Pragma, poiché, tra mille difficoltà, portano a compimento il loro lavoro.

È notizia di questi giorni di una lettera del Comune inviata ad alcuni cittadini, residenti nelle zone periferiche del territorio, dove viene richiesta loro una "collaborazione" nel conferimento dei contenitori/mastelli/sacchi della raccolta differenziata, da posizionare quotidianamente nelle strade e vie principali, senza quindi che la loro abitazione sia più raggiunta dal mezzo adibito a tale mansione.

Una raccolta porta a porta, che al di là dei risultati sbandierati, non riesce ad integrarsi completamente con i reali bisogni e le esigenze della cittadinanza.
Tante bugie in questi mesi ci sono state raccontate, soprattutto dagli organi politici competenti.
Ci fu detto, in sede di riunioni ed incontri con i cittadini, che i contenitori sarebbero stati dotati di microchip o codice a barre e che, al momento del ritiro, sarebbe avvenuto il controllo elettronico del peso, nella logica del pagamento legato alle quantità di rifiuti prodotti.
Tutto falso, ciò non avviene in alcun modo!


Altra bugia: il Comune di Subiaco informò ufficialmente la cittadinanza che, nei primi giorni dell'estate 2017, la raccolta differenziata porta a porta sarebbe "partita" anche nei territori di Monte Livata e Campo dell'Osso. A 6 mesi di distanza nulla di tutto ciò è avvenuto! Al contrario, la località montana è stata oggetto, in particolar modo quest'ultima estate, di un degrado senza precedenti.

Se a tali inadempienze aggiungiamo il fatto che, Subiaco non dispone (dopo anni di proclami e spot elettorali del Sindaco Pelliccia e dei suoi compagni di amministrazione) dell'isola ecologica, chiunque può comprendere il clima di approssimazione ed assenza di strategie della Giunta in carica.
Subiaco è sporca, salvo rare eccezioni, e non assume un aspetto decoroso e pulito agli occhi di cittadini e turisti.

 

Tutto ciò avviene per un semplice e chiaro motivo: gli operatori ecologici sono utilizzati in gran parte per la raccolta porta a porta; tale ENORME impegno sottrae del tempo alla pulizia delle strade, dei marciapiedi, delle caditoie. E l'invasione di fogliame e sporcizia ne è una diretta conseguenza. Ma quando avvertimmo l'Amministrazione di aver promulgato un bando ad eccessivo ribasso, a fronte di più servizi e di più personale necessari, ci venne risposto che si puntava alla qualità! Sarebbe questo il risultato?

 

La ciliegina sulla torta la troviamo il 1° ed il 3° Sabato di ogni mese, dove in Largo San Benedetto, sotto la scuola elementare del plesso di Piazza Roma, va in scena la raccolta dei rifiuti ingombranti. Su questo tema presentammo una mozione per ottenere lo spostamento di tale indecenza, ma l'Amministrazione ci rispose che quella era una scelta educativa per la popolazione. Forse i componenti del gruppo "Insieme per Subiaco" non frequentano la città, perché se lo facessero si renderebbero conto di tutti i disagi che questa assurda decisione sta ancora oggi provocando alla viabilità ed ai cittadini. La mozione ci fu bocciata dalla maggioranza.


Il fallimento dunque è continuo, non c'è filosofia che tenga!
MANDIAMOLI A CASA, IMMEDIATAMENTE.